Lessico
Magazine
09 Ottobre 2014 09:45

Una nuova economia, da Napoli a Trento

Da Genovesi alla Sec: un modello per l’Europa

di Nadia Lambiase
Lezioni di economia civile di Antonio Genovesi
È divenuta nota al pubblico nel 2004 quando è uscito, per Il Mulino, Economia civile di Stefano Zamagni e Luigino Bruni, in cui gli autori presentano un nuovo paradigma economico, sia da un punto di vista teorico che storico, in cui l’homo oeconomicus, egoista e razionale, lascia il posto al homo reciprocans che vive di relazioni con gli altri. Si chiama “economia civile” e ha radici antichissime, ma la sua sistematizzazione è figlia di quello stesso secolo dei Lumi che vide emergere l’opera di Adam Smith. E così accanto alla figura di Smith, comunemente considerato il padre dell’economia politica, si è iniziato a far luce su 
Lessico
Magazine
19 Settembre 2014 16:00

La crisi e la fiducia

L'economista Vittorio Pelligra: “Ripartiamo da scuola e famiglia”

di Paolo Piacenza e Nadia Lambiase
Vittorio Pelligra insegna all'Università di Cagliari Economia delle decisioni e Microeconomia avanzata e studia, tra le altre cose, il ruolo della fiducia nelle dinamiche economiche. Per il Mulino ha pubblicato nel 2007 su questo tema un volume molto interessante e continua a indagare la materia nelle sue ricerche. Il ruolo della fiducia in economia interessa anche Pop Economix, visto che il crollo di fiducia nei mercati finanziari è all'origine di una crisi iniziata nel 2008 e ancora ben viva, almeno in Italia o in Sardegna. E così, in occasione del tour a Sassari di 
Storie
Magazine
24 Luglio 2014 09:45

La lezione del colibrì

Il libro di Paracchini e le idee di economia sostenibile d'Oltralpe

di Clara Attene
Andrea Paracchini, giornalista e autore di La révolution dei colibrì
Articolo pubblicato in origine su EquoTorino.it, diritti di riproduzione riservati Conoscete la leggenda africana del colibrì che tenta di spegnere con una goccia d’acqua trasportata nel becco un incendio scoppiato nella foresta, mentre gli altri animali, spaventati, fuggono e lo deridono? Andrea Paracchini, novarese d’origine e residente a Parigi, di “colibrì” ne ha conosciuti parecchi da quando nel 2007 si è trasferito nella capitale francese, dove oggi lavora per la rivista Altermondes. Il suo ebook, pubblicato da Asterisk Edizioni, si intitola appunto 
Storie
Magazine
25 Giugno 2014 09:45

Social generation workers

BeSocial2, 25 giovani europei e il mercato del lavoro

di Donata Columbro
Ad Abiano, sede della Comunità CISV
Crisi economica e social media: questi gli ingredienti della rivoluzione del mercato del lavoro che stiamo vivendo, tanto che Gary Hamel, studioso di management dell’innovazione, ritiene che non sia folle “chiedersi se il Ceo della propria  azienda non sia il prossimo Mubarak”, riferendosi alla caduta del presidente egiziano durante i mesi della primavera araba. Da questa metafora ha preso le mosse il workshop e scambio internazionale BeSocial 2,  organizzato dall'Ong 
Lessico
Magazine
09 Giugno 2014 19:00

Il New York Times e la crisi a colori

Data journalism di qualità per raccontare la nuova economia

di Antonio Leone
Un piccolo capolavoro di data visualization che permette di approfondiire i diversi aspetti economici della Grande Recessione. Il "New York Times" ha pubblicato nei giorni scorsi “How the Reces­sion Resha­ped the Eco­nomy, in 255 Charts”, complessa opera di data jour­na­lism sui profili di trasformazione dell'economia durante gli ultimi anni, quelli della crisi. Il contenitore è “The Upshot”, un sito che pubblica approfodimenti e inchieste a partire dai dati e dalla loro loro visua­liz­za­zione grafica. Un lavoro tutto da scoprire.
Lessico
Magazine
03 Giugno 2014 08:45

I conti con il capitale

L'economia di Piketty: l'uguaglianza al centro

di Nadia Lambiase
da Pop Economix di Davide Pascutti
A New York, il 17 settembre 2011, un gruppetto di persone decide di occupare simbolicamente il centro dell’impero finanziario mondiale. Si accampano a Zuccotti Park, nei pressi di Wall Street, suscitando curiosità. Inizialmente non vengono presi troppo sul serio. Ma in pochi giorni il gruppo si fa massa e nasce uno dei movimenti di contestazione del capitalismo finanziario più noti dei giorni nostri: Occupy Wall Street. Il cuore della protesta è efficacemente  scolpito nello slogan “We are the 99%”: il 99 per cento della popolazione contro l'1 per cento di ricchissimi. Un dito puntato sulla diseguaglianza sociale ed economica che ha conosciuto un continuo sviluppo
Notizie
Magazine
30 Maggio 2014 10:45

Pochi investimenti e l'Italia non riparte

Le considerazioni finali del governatore di Bankitalia fanno discutere

di Redazione
Ignazio Visco
Le considerazioni finali 2014 del Governatore della Banca d'Italia, che pure non sono cupe come quelle degli scorsi anni, individuano con grande chiarezza un problema: gli investimenti in Italia sono troppo bassi, al minimo dal dopoguerra. e questo uccide le possibilità di ripresa. Così scrive Ignazio Visco:  Aumenti di produttività e crescita dell’occupazione sono conciliabili se si riprende la domanda interna. La chiave è l’aumento degli investimenti fissi, che sono la cerniera tra domanda e offerta: da un lato, se ci sono le giuste condizioni esterne, essi sono la componente della domanda che reagisce più rapidamente al mutamento delle aspettative; dall’altro, essi