Notizie
Blog
22 Ottobre 2013 15:00

Il poker di Draghi

Le scelte della Bce: azzardi imperfetti, ma meglio dei governi

di Orietta Ceriani e Paolo Piacenza
Un bluff per salvare l'Europa
Pronto Orietta? Pronto, sì, ciao. Son qua perché si era detto che si parlava di Europa, e di Draghi... Va bene, ma prima una premessa. Che serve per capirci. Parliamo un attimo di queste vacche magre? Dici quelle del titolo del blog? Sono il simbolo della crisi, no? Una crisi che continua, nonostante le borse oscillino tra il “toro”, animale simbolo della crescita degli acquisti, e qualche “orso”, animale simbolo delle vendite... Appunto, continua. Allora bisogna che ci capiamo. Diciamo che tra crisi e austerity le vacche magre – cioè le imprese, i lavoratori, i cittadini, noi insomma – sono davvero sfinite, deboli. Ma sono anche consapevoli che se non continuano a fare la loro parte rischiano di brutto: è evidente che i record della borsa hanno scarse ricadute positive sull'economia reale
Notizie
Magazine
18 Ottobre 2013 15:30

Diritto all'abitare

19 ottobre, mobilitazione in Europa contro austerità e sfratti

di Donata Columbro
Sono almeno dieci le città europee dove sabato 19 ottobre i comitati per il diritto all’abitazione hanno organizzato manifestazioni e mobilitazioni di massa in occasione dei World Zero Evictions Days, giornate mondiali contro gli sfratti. Nella mappa abbiamo selezionato tutti gli eventi segnalati dal blog ufficiale della campagna per lo European Day of Action for Housing Right, che raccoglie tutte le iniziative organizzate durante il mese di ottobre per mettere in discussione le politiche abitative a livello locale, nazionale, regionale, sovranazionale.   In Svizzera ad esempio la mobilitazione è partita il 17 ottobre con la terza edizio
Notizie
Magazine
16 Ottobre 2013 16:15

Italia tra declino e rilancio

Ottimisti e pessimisti divisi sul futuro, ma in comune c'è molto

di Paolo Piacenza
Tra tenebre e luce. In un momento davvero critico della storia d'Italia nel nostro Paese ci si schiera, sempre più spesso, su due fronti: gli ottimisti della volontà e i pessimisti della ragione. Divisi dal modo di leggere i numeri, ma soprattutto divisi sulla lettura del Paese. Per i primi, nonostante tutto, l'Italia è viva e ha ancora grandi chance. Per gli altri, il nostro Paese sta videndo il suo momento più buio, forse una Grande Depressione.  Tra i primi si segnalano i firmatari del manifesto Oltre la Crisi. L’Italia deve fare l’Italia:nella immagine di copertina lo abbiamo ricostruito con un wordcloud. Presentato mercoledì a Roma da
Notizie
Magazine
14 Ottobre 2013 22:30

Il piatto di chi non mangia

Cala l'Indice globale della fame, ma 842 milioni sono senza cibo

di Donata Columbro
Nel mondo sono ancora 842 milioni le persone che soffrono la fame o che sono "cronicamente denutrite", secondo la definizione Fao nel rapporto sullo stato dell’insicurezza alimentare nel mondo. Eppure, secondo l'Indice globale della fame 2013, presentato a Milano il 14 ottobre dall'ong Cesvi in collaborazione con Ispi e Link2007, ci sono miglioramenti. Rispetto al 1990, l’indice 2013 è sceso quasi del 34%, passando da 20,8 a 13,8 punti. Calcolato tenendo conto della denutrizione (la quota di popolazione con assunzione calorica insufficiente), dell'insufficienza di peso infantile e della mortalità infantile, l’Indice Globale della
Lessico
Magazine
14 Ottobre 2013 13:30

L'America a motore (quasi) spento

Cosa è lo shutdown che fa paura alle Borse e blocca gli Usa

di Paolo Piacenza
Repubblicani e democratici trattano sul tetto del debito per fermare uno shutdown che dura ormai da due settimane. I protagonisti della vicenda sono soprattutto questi due signori nella foto: Barack Obama, presidente degli Stati Uniti, e lo speaker (il presidente) della Camera dei rappresentanti, il “duro” repubblicano dell'Ohio John Boehner. Ma cosa è lo shutdown? Facciamo un po' di chiarezza.   Lo stop federale Dal 1° ottobre 2013, primo giorno dell'anno fiscale 2014, tutta l'amministrazione federale degli Stati Uniti è entrata nella fase di “shutdown”, parola che significa “arresto”, “blocco”, “spegnimento”. Significa che l'amministrazione civile del Paese più potente del mondo si ferma perché mancano i soldi. Di fa
Storie
Magazine
11 Ottobre 2013 15:45

Il prestito è sociale

Il crowdfunding che cresce: quando il credito arriva dal basso

di Donata Columbro
Si chiama “social lending” ed è l’ultima frontiera del crowdfunding, ovvero un sistema di finanziamento dal basso, che unisce di un gruppo di persone nel sostegno economico a progetti e bisogni di individui e organizzazioni. Si presenta come un modo per scavalcare gli ostacoli che le grandi banche e gli istituti di credito mettono alla richiesta di prestiti di chi ha bisogno di piccole cifre di denaro per lanciare un progetto, che difficilmente otterrebbe un finanziamento dai canali tradizionali. Ultima nata, a livello internazionale, è la francese “Hello Merci”, che permette di pubblicare progetti che necessitano di un finanziamento dai 200 euro fino a un massimo di 15mila euro. La piattaforma gestisce il prestito e la restituzione, così che i fin
Notizie
Blog
09 Ottobre 2013 15:15

Il balzo del gatto morto

La ripresa funziona a Wall Street, ma il lavoro continua a mancare

di Orietta Ceriani e Paolo Piacenza
Il famoso toro di Wall Street, a New York
Pronto, Orietta? Pronto, sì, pronto! Questa cosa della crisi di governo... Piazza Affari ha fatto un bel su e giù in quei giorni... I mercati continuano a giocare il loro gioco, no? Poi, secondo me, quello che si è visto sul mercato italiano non è solo legato alla nostra crisi politica, ma anche a quello che succede negli Stati Uniti, con il blocco del bilancio federale... Quindi ai mercati non importa niente dei problemi politici italiani? I mercati fanno le loro scelte, qualunque cosa succeda. E chi sa puntare vince. Mentre per far ripartire l'economia italiana mi sembra che nessuno sappia che pesci prendere... Comunque la crisi di governo non è una cosa che aiuta... A me questa vicenda della crisi di governo ha lasciato un dubbio: e se fosse un gioco delle parti per far passare l'aument